LA DIETA PROTEICA

Per dieta proteica si intende il metodo nutrizionale elaborato negli Stati Uniti una quarantina di anni fa’ dal prof. Blakburn dell’Università di Harvard.

Un approccio alimentare che offre la possibilità di perdere peso in modo equilibrato ma comunque in tempi rapidi e la cui sicurezza è offerta da solide basi scientifiche nonchè dallo stretto controllo di un medico specializzato.

Si tratta di un programma dietetico completo che va dalla perdita di peso alla definizione di un vero e proprio programma alimentare. La dieta proteica permette infatti di perdere peso , di rimodellare il corpo, di rimuovere gran parte della cellulite attraverso l’eliminazione della massa magra in eccesso: il tutto senza intaccare la massa magra cioè i muscoli, le ossa, le articolazioni e tutti gli organi ad alta cellularità.

La dieta proteica accomuna due principi importanti: massimo rendimento con un minimo sforzo consente, cioè, di dimagrire abbastanza in fretta ma senza molta fatica.

I vantaggi della dieta proteica sono molteplici:

  1. assenza di fame
  2. benessere fisico e psicologico
  3. diminuzione importante, progressiva e costante del peso
  4. mantenimento e miglioramento dell’elasticità della pelle, tonicità e lucentezza dei capelli, robustezza delle unghie

tutto ciò mangiando alimenti ( pasta ,riso, biscotti, ecc.) costituiti da proteine vegetali estratte dalla soia , dal latte, dai piselli, ecc.

In catalogo sono presenti una settantina di prodotti tra cui scegliere. La persona, quindi, è soddisfatta perchè mangia in modo vario 4 volte al giorno. Sono prodotti assolutamente naturali, privi di farmaci dannosi come anfetamine ed ormoni.

Alla prima fase di dieta stretta segue una seconda fase detta di “transizione” nella quale si introducono gradatamente alimenti come le proteine animali, zuccheri, lipidi, carboidrati, ecc., in modo da permettere all’organismo di ristabilire il funzionamento del metabolismo.

Va sottolineato che la dieta proteica non è consentita a tutti i pazienti: non possono farne uso le persone affette da diabete giovanile di tipo 1, le donne in gravidanza, le persone affette da insufficienza epatica e renale grave, le persone affette da cancro.

Molte persone credono e sostengono che la dieta proteica possa essere dannosa per la funzionalità renale: una gran parte della letteratura internazionale ha ormai dimostrato che l’acidosi metabolica che si instaura è assolutamente controllata e la composizione proteica di questi cibi non crea problemi per la salute.

A prova di ciò ho curato molti pazienti, anche grandi obesi, inviatimi da colleghi nefrologi consapevoli che una dieta rigida ed efficace sia preferibile ad una dieta che si protrae per lungo tempo e con risultati alterni.